L’arredamento dell’Ambasciata d’Italia a Varsavia. Nuove acquisizioni documentarie

artykuł recenzowany

Anna D'Agostino

anna.dagostino93@libero.it
Università degli Studi Roma Tre (Włochy)
https://orcid.org/0000-0002-6754-8148

Abstrakt

Il presente lavoro, volto a ricostruire la storia dell’arredamento dell’Ambasciata d’Italia a Varsavia, ha origine dallo studio dei documenti d’archivio del Fondo STRP (ex Servizio Tecnico di Ricognizione Patrimoniale) conservato presso la Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio del Ministero della Cultura (MIC). Il fondo è costituito dalla documentazione – perlopiù inedita – prodotta dal Servizio Tecnico, nato nel 1993 come Commissione, voluta dal Ministro Alberto Ronchey, con l’obiettivo di censire i beni culturali concessi in deposito esterno dai musei del demanio ad enti in Italia e all’estero. Nel 1995 la Commissione fu trasformata in Servizio alle dirette dipendenze del Segretariato Generale del Ministero stesso ma nel 2003 venne sospeso. Ben ventuno anni fa fu effettuata l’ultima ricognizione patrimoniale presso l’Ambasciata d’Italia a Varsavia e da allora più nessun controllo è stato fatto. Pertanto, questo lavoro, oltre ad analizzare la storia delle opere d’arte scelte per arredare l’Ambasciata fin dal 1922, ne aggiorna i dati e dà nuove interpretazioni sulle vicende che, sia prima che dopo la Seconda Guerra Mondiale, portarono al suo arredamento; inoltre, vuole essere uno spunto di riflessione sulla tutela di quel patrimonio artistico italiano che ancora oggi, fin dai primi decenni del secolo scorso, si trova in deposito esterno senza i dovuti controlli.


Słowa kluczowe:

arte, ambasciata, Varsavia, Italia, arredamento, patrimonio culturale, ricognizione, ricerca

Bellesi, Sandro. “I rapporti di collaborazione tra Pier Dandini e Andrea Scacciati: le tele con le ‘Allegorie delle Stagioni’.” Paragone, no. 469 (1989).
  Google Scholar

Dalle collezioni all’arredo. Opere dei musei negli uffici e nelle sedi di rappresentanza dello Stato. La ricostruzione delle collezioni. Roma: Quintilia, 1997.
  Google Scholar

Fanfani Vecchi, Mariapia. Le Ambasciate d’Italia nel mondo, vol. 1. Milano: Sagdos, 1969.
  Google Scholar

Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia, no. 173 (1929).
  Google Scholar

Jaroszewski, Tadeusz, and Luca Daniele Biolato. Il Palazzo Szlenkier. Ambasciata d’Italia a Varsavia. Varsavia: Rosikon Press, 2001.
  Google Scholar

Melograni, Anna. “‘Del quadro che verrà a riposare lo sguardo del visitatore passeggero e del diuturno abitatore’, ovvero l’arredo delle sedi italiani all’estero (ambasciate, consolati e regie legazioni).” In Dalle collezioni all’arredo. Opere dei musei negli uffici e nelle sedi di rappresentanza dello Stato. La ricostruzione delle collezioni. Roma: Quintilia, 1997.
  Google Scholar

Miarelli Mariani, Ilaria. “Le ‘Allegorie delle Quattro Stagioni’ di Andrea Scacciati e Pier Dandini.” Paragone, no. 603 (2000).
  Google Scholar

Morozzi, Laura, and Rita Paris. L’opera da ritrovare. Repertorio del patrimonio artistico italiano disperso all’epoca della seconda guerra mondiale. Roma: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1995.
  Google Scholar

Notizie degli Scavi di Antichità, no. 10 (1915).
  Google Scholar

Pignatti Morano, Monica. “Gli inventari del Ministero della Real Casa.” In Gli inventari delle Corti. Le guardarobe reali in Italia dal XVI al XX secolo, a cura di Enrico Colle. Firenze: Polistampa, 2004.
  Google Scholar


Opublikowane
2023-05-31

Cited By / Share

D’Agostino, A. (2023). L’arredamento dell’Ambasciata d’Italia a Varsavia. Nuove acquisizioni documentarie. Biuletyn Historii Sztuki, 85(1), 117–144. https://doi.org/10.36744/bhs.1340

Autorzy

Anna D'Agostino 
anna.dagostino93@libero.it
Università degli Studi Roma Tre Włochy
https://orcid.org/0000-0002-6754-8148

Anna D’Agostino nel 2019 consegue la laurea magistrale in Storia dell’Arte discutendo la tesi sull’arredamento dell’Ambasciata d’Italia a Varsavia presso la cattedra di Museologia del prof. Enzo Borsellino dell’Università degli Studi Roma Tre. Nello stesso anno si diploma presso l’Alta Scuola di Roma Tre (ASTRE) con una tesi sulle case - museo della città di Roma. Nel 2022 consegue il Master Biennale di II Livello in “Esperti nelle attività di valutazione e di tutela del patrimonio culturale” con una tesi sui depositi esterni delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini presso chiese ed enti religiosi. L’Autrice ha in corso alcune pubblicazioni scientifiche su argomenti di storia dell’arte.



Statystyki

Abstract views: 173
PDF downloads: 131


Licencja

Prawa autorskie (c) 2023 Biuletyn Historii Sztuki

Creative Commons License

Utwór dostępny jest na licencji Creative Commons Uznanie autorstwa 4.0 Międzynarodowe.